Salute e benessere

Anguria: proprietà e benefici

L’anguria è composta dal 94% da acqua, una piccolissima percentuale di proteine e fibra alimentare,  glucidi, minerali (sodio, potassio, ferro, fosforo e calcio), vitamine A e C, niacina (vitamina PP), riboflavina (vitamina B2) e tiamina (vitamina B1). Da sottolineare la presenza di licopene che conferisce all’anguria il tipico colore rosso; il licopene è una sostanza antiossidante e come tale ha proprietà utili nella prevenzione dei tumori, alla prostata per gli uomini e al seno per le donne.

I benefici che l’anguria produce sono molteplici, vediamo insieme alcuni:

Idratante

I sali minerali presenti nel cocomero  sono innanzitutto utili per contrastare il senso di stanchezza e spossatezza che frequentemente si presentano nei periodi estivi particolarmente caldi; grazie all’alto contenuto di acqua, l’anguria è sicuramente un frutto dissetante diuretico e depurativo dell’organismo.

Ipocalorico

Sebbene la sua polpa sia particolarmente dolce, l’anguria presenta un apporto calorico particolarmente basso( 20 calorie per ogni 100gr di anguria) ed è quindi indicata nelle diete dimagranti proprio per il suo effetto saziante e non ingrassante. Le proprietà più interessanti dell’anguria vanno però ricercate nella presenza di sostanze carotenoidi, in grado di combattere i tanto temuti radicali liberi. Grazie alle sue proprietà, tra cui l’assoluta assenza di grassi, l’anguria è uno degli alimenti più efficaci per contrastare e combattere gli inestetismi della cellulite. A beneficiare delle sue proprietà ci sono anche il fegato e le vie respiratorie.

Semi dalle proprietà sorprendenti

I semi dell’anguria, quasi sempre scartati, in realtà hanno grandissimi benefici per la nostra salute, infatti sono ricchi di antiossidanti, che prevengono l’invecchiamento cellulare.

Inoltre sono molto ricchi di proteine: 100 grammi di semini, infatti, ne contengono circa 35 grammi (più che nella stessa quantità, ad esempio, di carne). E sappiamo che la quota proteica è di aiuto all’interno del frutto: ne riduce infatti l’impatto glicemico già molto basso e permette uno spuntino o un fine pasto ancora più sereno.

I semini sono inoltre ricchi di grassi poli-insaturi, e quindi abbassano il colesterolo, il rischio cardiovascolare e l’iperattivazione del sistema immunitario (perfetti per persone che soffrono di allergia, asma, autoimmunità).

L’estratto di semi d’anguria si è peraltro rivelato avere un’efficacia non troppo lontana dai classici farmaci anti-ulcera.

I semi sono pieni di zinco, magnesio, manganese, fosforo, potassio, rame. Praticamente si tratta di piccoli integratori nascosti, perfetti per sopportare il caldo ed evitare di ammalarsi con l’aria condizionata: oltre a lavorare sul sistema immunitario e sul potenziamento delle difese antiossidanti, alcuni dei minerali citati mantengono modulata la pressione arteriosa e reintegrano ciò che viene perso col sudore.

Il caso del ferro è interessante: l’anguria contiene una buona quota di vitamina C, così che qualora i semi vengano mangiati insieme alla polpa, il suo assorbimento sarà facilitato (il ferro si assorbe meglio quando è assunto insieme a dell’acido ascorbico).

Insomma, i semini dell’anguria sono talmente pieni di qualità che in qualche modo vanno sfruttati.

La mamma consiglia…

E’ possibile tenere i semi dell’anguria da parte, lasciarli seccare, e mangiarli separatamente, come fossero, ad esempio, semi di girasole, di lino o di zucca. Oppure spezzettarli e farci il tè. Oppure potreste fare una bella Granita d’anguria, fresca e dissetante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *